Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2012

Credito: il nuovo tumore delle imprese

Sembra assurdo, ma sempre più imprenditori chiudono la loro attività per CREDITO!
Non per debiti, per le tasse, perchè non c'è offerta, ma per credito!
Si tratta di persone che lavorano come delle matte, ma che non riescono a raccogliere i frutti del loro impegno perchè i consumatori gli dicono che non hanno soldi per pagare.
Ora che non c'è più un valido appoggio da parte delle finanziarie e quindi la gente non può più ricoprirsi di rate e debiti, ecco che iniziano tutti a scroccare.
Peccato, che a lamentarsi di questo flusso, non sono i commercianti che smerciano alimentari o prodotti di prima necessità, ma quelli che offrono servizi e merce, come mobili, servizi di grafica, pubblicità, assistenza telefonia e computer.
Insomma, la crisi è già iniziata da anni, tutti ne parlano, ma ancora nessuno l'ha capita o ha intenzione di abbassare i propri standard.
La mentalità soprattutto della popolazione con reddito medio non vuole saperne di rilassarsi.
Loro pensano: "Ho a…

Il 194° stato del mondo!

L'ONU ha votato in modo schiacciante per il riconoscimento della Palestina, che è diventata così il 194° stato del mondo!!!
E' una vittoria incredibile per il popolo palestinese, per la pace e per il nostro movimento. Persone da tutto il mondo si stanno unendo alle folle oceaniche in Palestina per festeggiare.

Il viaggio del popolo palestinese verso la libertà non finisce qui. Ma questo è stato un passo importantissimo e la nostra comunità ha svolto un ruolo fondamentale. L'ambasciatore della Palestina in Europa oggi ha detto:

"Avaaz e i suoi membri in tutto il mondo hanno giocato un ruolo cruciale nel convincere i governi a supportare il riconoscimento e sostenere il popolo palestinese verso la libertà e la pace. Sono stati al nostro fianco durante tutto questo processo e il loro sostegno e la loro forza saranno riconosciuti e ricordati con gioia in tutta la Palestina" - Leila Shahid, delegato generale della Palestina in Europa.

11 motivi per pubblicare ebook

1. Gli ebook non hanno confini, arrivano ovunque e all'istante. Non sono confinati solo in alcune librerie come per i libri cartacei a seconda di quanto è famosa la casa editrice o fin dove riesce ad arrivare (spesso poco lontano dalla città di provenienza della casa editrice stessa). Considerate anche che ci sono città più piccole che non hanno neanche una libreria e a causa della crisi dell'editoria sono sempre più in discesa il numero delle librerie presenti, tranne quelle in franchising.
2. Li puoi comprare dove vuoi e quando vuoi, anche senza uscire di casa.
3. Li ricevi subito, senza accordi con il corriere o senza timore che si rovini o vada perso durante il trasporto.
4. Non si rovinano a differenza dei libri cartacei che si usurano e che dopo qualche anno si ritrovano tutte le pagine ingiallite e ci fa passare la voglia di leggerlo.
5. Non occupa spazio, se non pochi Mb su hard disk del pc o dell'e-reader. Sempre meno persone e case hanno una libreria o uno spazi…

Ottenere ciò che vogliamo

Quanto saremmo felici se potessimo fare ciò che vorremmo?
Moltissimo, presumo.
Eppure ci sentiamo costantemente delusi, insoddisfatti, frustrati e incompleti.
La cosa peggiore è che spesso il peggior limite siamo proprio noi stessi e le nostre convinzioni.
Desideriamo essere ricchi ma poi consideriamo i ricchi persone vili, meschine e disoneste.
Come possiamo accettare il denaro se va contro le nostre ideologie radicate?
Desideriamo essere amati ma poi quando ci guardiamo allo specchio vediamo solo un mostro?
Come possiamo essere amati dagli altri, se nemmeno a noi stessi piacciamo?
Desideriamo andare bene a scuola, ma sappiamo che per quanto ci impegniamo ci troveremo sempre quello stronzo di prof che ci odia che ci metterebbe 4 anche se gli cantassimo l'intera Divina Commedia a memoria.
Desideriamo essere dei vincenti nella vita ma poi appena ci capita l'occasione ci tiriamo indietro per paura di non farcela.
Se vogliamo ottenere ciò che desideriamo, dobbiamo crederci e cerc…

Antonio Di Pietro, un modello da seguire

E così un altro politico è stato ricoperto di ridicolo e di disprezzo dalla popolazione! Niente meno che l'integerrimo Antonio Di Pietro e la sua cinquantina di case, di cui due affittate al suo stesso partito, di cui percepisce l'affitto... ma vi rendete conto? Uno prende l'affitto sulla sua stessa casa per lavorarci!
E come se non bastasse la ristrutturazione di una (o più) delle sue case di lusso sono state ristrutturate con lavori fatturati al suo stesso partito!
A questo punto, non si può che rimanere indignati di fronte a questo atteggiamento, ma la mia proposta è:
di denunciare questa oscenità e di esiliare Di Pietro dall'Italia? Noooooo.
di lapidarlo in Piazza di Spagna? Nooooo.
di fargli scontare le sue colpe (furto dei soldi dei contribuenti) in galera? Noooooooo.
L'unica cosa da fare è: FACCIAMOLO ANCHE NOI!
Se lo può fare Di Pietro, uomo politico eletto da me, perché non posso farlo io?
Forza, adesso tutti ad intestare la casa al coniuge e poi facciamo …

SALVIAMO GLI ELEFANTI!

Ogni anno migliaia di elefanti africani vengono sterminati per asportarne le zanne, venderne l'avorio e ricavarne oggetti sacri con la compiacenza e la complicità delle autorità religiose cattoliche e buddhiste. Nel 2011 i cacciatori di frodo hanno abbattuto 25.000 esemplari per un ricavo di 5.000 euro a zanna e ormai la popolazione complessiva mondiale è ridotta a meno di 700.000 esemplari solo nell'Africa sub sahariana  Da lì l'avorio prende la strada delle Filippine dove viene trasformato in croci cattoliche, statuette etc o viene smistato verso la Thailandia e la Cina per essere trasformato in simboli buddhisti e taoisti. Ben 176 Paesi hanno messo al bando il commercio d'avorio tranne il Vaticano i cui negozi, chiese, alberghi etc espongono e commerciano articoli in avorio vendendoli perfino ai turisti dei 176 Paesi in cui è illegale importare l'avorio. Tenuto conto che alcune popolazioni di elefanti sono in imminente pericolo di estinzione, il Vaticano aderisca …

Salviamo l'Oceano Antartico con AVAAZ e Leonardo Di Caprio

FIRMA LA PETIZIONE: http://www.avaaz.org/it/save_the_southern_ocean_5/?bBSxncb&v=18888


Fra pochi giorni alcuni governi potrebbero chiudere un accordo per la creazione della più grande riserva marina del mondo nell'Oceano Antartico, salvando l'habitat di balene, pinguini e migliaia di altre specie polari da flotte di pescherecci industriali. Ma non agiranno a meno che noi non ci faremo sentire ora.

Gran parte dei paesi sostengono l'istituzione della riserva ma Russia, Corea del Sud e altri minacciano di votare contro per continuare a saccheggiare questi mari, dopo che altri li hanno sfruttati per la pesca intensiva fino a trasformarli in mari morti. Questa settimana un piccolo gruppo di negoziatori si chiuderà in un incontro a porte chiuse per prendere una decisione. Una mobilitazione dal basso da record potrebbe far uscire allo scoperto le trattative, isolare i tentativi di bloccare la riserva e mettere al sicuro un accordo per proteggere gli oltre 6 milioni di chilometr…

Un reggiseno che ti fa la mammografia!

Finalmente un'invenzione davvero UTILE a noi povere donne che dobbiamo sottoporci sempre a mille torture fisiche.
Dopo il fastidioso filo interdentale nel sedere con l'invenzione del tanga, il serial killer tacco 12 con il quale rischi la vita a ogni passo in Piazza Chanoux e la devastante colposcopia, che ti apre come una mela, ecco che finalmente avremo la possibilità di evitarci una sofferenza, considerata da alcune la peggiore mai vissuta dopo il parto: la mammografia.
Mi è capitato spesso di vedere donne scappare dal reparto con ancora il reggiseno in mano, altre uscire con il viso bianco e tirato dal dolore e due bocce grosse come due angurie.
Povere noi...
Hai ben voglia i scoprire se hai qualche nodulo sospetto al seno se per scoprirlo ti fanno passare 10 minuti all'inferno.
Ma ora è nato il reggiseno che ti fa la mammografia.
Tu lo tieni un paio d'ore e questo senza dolore e disturbi ti analizza temperatura e composizione mammaria, con ancora più precisione d…

Amore, lavoro e salute... con successo!

Lo capisco, è più facile lamentarsi che darsi da fare.
Tuttavia quanto ci impegniamo quotidianamente e per davvero ad ottenere ciò che vogliamo?
Io credo nella Legge dell'Attrazione ma è ovvio che non basta o perlomeno tocca anche a noi darci da fare e   dimostrare a noi stessi che ci teniamo veramente a qualcosa.
Prendiamo i classici 3 esempi: salute, lavoro e amore.

Salute. Ci lamentiamo perchè abbiamo il colesterolo, perchè siamo grassi, perchè abbiamo sempre qualche contrattura muscolare che ci rende ogni movimento difficoltoso e doloroso...
Va bene, ma prima di dire "Sto male", quante volte abbiamo fatto attenzione a ciò che avevamo nel piatto? Quante volte possiamo dire di aver mangiato in modo salutare e senza strafogarci? Quante volte ci siamo trattenuti dall'ingozzarci di formaggi, salumi, fritti e dolci che ci piacciono tanto?
Come possiamo lamentarci se facciamo fatica a piegarci per raccogliere qualcosa da terra o ci sembra di rischiare un infarto per aver…

Un aiuto per Malala con AVAAZ

I talebani hanno sparato alla quattordicenne Malala per fermare la sua lotta per l'educazione delle donne. Possiamo fare in modo che il suo sogno diventi realtà chiedendo al suo governo di stanziare fondi che incoraggino le famiglie di tutto il Pakistan a mandare le loro figlie a scuola. Clicca qui sotto per dare forza a questa possibilità di lottare per l'educazione femminile: 

Malala ha dedicato la sua infanzia a combattere per l'educazione delle ragazze come lei in Pakistan. Mentre giace in un letto di ospedale, tragica vittima di un sicario dei talebani, aiutiamola a far diventare il suo sogno realtà.

Una parte del Pakistan ha già avviato con successo un programma che assegna del denaro alle famiglie che mandano le figlie a scuola con regolarità. Ma nella provincia di Malala il governo locale sta ostacolando simili iniziative. Politici di alto livello hanno promesso di aiutare Malala e se agiamo ora possiamo fare in modo che si impegnino ad avviare finalmente un…

Quanto ci costa la classe politica al MINUTO?

Sull'Espresso di qualche settimana fa c'era un articoletto che spiega che recentemente il Parlamento ha votato all'UNANIMITA' e senza astenuti un aumento di stipendio per i parlamentari pari a circa €1.135,00 al mese. Inoltre la mozione e stata camuffata in modo tale da non risultare nei verbali ufficiali. STIPENDIO Euro19.150,00 AL MESE STIPENDIO BASE circa Euro 9.980,00 al mese PORTABORSE circa Euro 4.030,00 al mese (generalmente parente o familiare) RIMBORSO SPESE AFFITTO circa Euro 2.900,00 al mese INDENNITA' DI CARICA (da Euro 335,00 circa a Euro 6.455,00) TUTTI ESENTASSE
Intascano uno stipendio e hanno diritto alla pensione dopo 35 mesi in parlamento mentre obbligano i cittadini a 35 anni di contributi (41 anni per il pubblico impiego) Circa Euro 103.000,00 li incassano con il rimborso spese elettorali (in violazione alla legge sul finanziamento ai partiti), più i privilegi per quelli che sono stati Presidenti della Repubblica, del Senato o della Camera. (la …

Quanto ci costa la salute dei deputati?

La Camera assicura un rimborso sanitario privato non solo ai 630 onorevoli, ma anche ai 1109 loro familiari compresi (per volontà dell'ex presidente della Camera Pier Ferdinando Casini) i conviventi more uxorio. Ebbene, nel 2010, deputati e parenti vari hanno speso complessivamente 10 milioni e 117mila euro.
Tre milioni e 92 mila euro per spese odontoiatriche. Oltre tre milioni per ricoveri e interventi eseguiti non in ospedali o strutture convenzionati dove non si paga, ma in cliniche private. Quasi un milione di euro per Fisioterapia Per visite varie, 698 mila euro. 488 mila euro per occhiali 257mila per la psicoterapia e per problemi psicologici e psichiatrici di deputati e dei loro familiari. Per curare i problemi delle vene varicose (voce "sclerosante") 28 mila 138 euro. Per visite omeopatiche 3 mila e 636 euro. Alcuni deputati si sono fatti curare in strutture del servizio sanitario nazionale, ma hanno chiesto il rimborso all'assistenza integrativa del Parlamen…

Alcuni dei privilegi degli onorevoli...

Vediamo un po': TELEFONO CELLULARE gratis: chi gli paga i loro sms per prenotare le escort? TESSERA DEL CINEMA gratis: chi gli paga "L'Era glaciale 4" per il proprio figlio? TESSERA TEATRO gratis: beh, al cinema non c'è tutto e poi il teatro fa "intellettuale" TESSERA AUTOBUS ‐METROPOLITANA gratis: ma chi usa, quando uno ha auto di lusso +a  autista?  FRANCOBOLLI gratis: sono tutti talmente vecchi che non sanno ancora usare Outlook Express... VIAGGI AEREO NAZIONALI gratis: vuoi mandarli alla Sagra del Maiale facendogli pure pagare il viaggio? CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE gratis: ora si spiega perchè il Parlamento è sempre vuoto! Viagiano viaggiano viaggiano...  tanto mica guidano loro! PISCINE E PALESTRE gratis: mica vorremo dei politici brutti e ciccioni? FS gratis: peccato che non ci salgono mai sennò saprebbero le condizioni dei treni quali sono AEREO DI STATO gratis: mica posso sempre andare in prima classe... AMBASCIATE gratis: ovvio CLINICHE gratis: mi sembra gius…

"Mangiar sano" in pillole

Più importante di ciò che mangi è come mangiSgarrare nell'alimentazione ci può stare, ma non tutti i giorniL'importante non è come mangi oggi, ma come hai mangiato durante tutta la settimanaVaria molto i cibiElimina lo zucchero e diminuisci il saleMangia 5 porzioni di frutta e verduraA cena evita carboidrati e verdure crudeFai una colazione da reginaNon saltare il pranzoImpara a masticare con calma. La fame nervosa porta a mangiare per scaricare le tensioni in modo rapido. Fallo masticando a lungo e mangiano verdure che hanno un rilascio lento di zuccheri, così da non dare subito la sensazione di avere di nuovo fameSe sei intollerante al lattosio, preferisci formaggi stagionatiConcentrati su ciò che hai nel piatto con la mente e con la bocca.Provare emozioni negative durante il pasto rallenta il metabolismoTra un boccone e l'altro sforzati di posare le posateIl cioccolato (non quello al latte) riduce la fame, lo stress, migliora la concentrazione e fa bene al cuore... non …

Qualsiasi strada tu decida di intraprendere, troverai le opportunità per evolvere (S. F. Covey)

In un momento difficile come questo, non vince chi ha delle sicurezze economiche (finché durano) ma chi sa giostrarsi e sa cogliere le opportunità, o meglio, le sa creare. Il mondo non sta andando al catafascio, ma sta cambiando. È proprio questo cambiamento a spaventarci, perché non siamo abituati a vedere e vivere la nostra vita diversamente da come ce l’ha impostata la società.
Tuttavia tutte le migliori scoperte e le più grandi ricchezze si basano proprio su pensieri controcorrente, sulla capacità di essere riusciti a vedere il mondo con occhi diversi e raggirare l’ostacolo che la società ci impone.
Per esempio, se la banca mi rifiuta la concessione del mutuo, questo non significa che io non potrò mai avere una casa, ma semplicemente che devo usare altre vie per averle. Oggigiorno, ci sono vari modi per comprare casa. Hai un buon stipendio ma non l’acconto, perché finora i tuoi risparmi sono sempre finiti per pagare l’affitto di dove vivi? Allora prova con l’affitto con riscatto. Paghi …

CRISI ECONOMICA: 1929 VS 2012

Dopo mesi di silenzio, rieccomi qua. Vi chiedo scusa per questa mia lunga assenza, ma sono successe molte cose nella mia vita che mi hanno tenuto lontana dal blog, ma ora la vostra gatta è tornata. In questi mesi anche nel mondo sono successo molte cose, ma solo una cosa è rimasta invariata: la crisi economica. La gente ormai sta uscendo di senno a causa di questa crisi: non spende più, si lamenta di tutto, nessuno risparmia più nemmeno 1 €, niente vacanze, tanta disoccupazione… Sinceramente, non vedo dove sta la differenza a qualche anno fa. Infatti, quando i telegiornali sparano le loro cifre che determinano il disastro economico, se notate bene, dicono sempre: “Il più basso indice dal 2009” o altre cose simili. Ma se questa situazione si era già ripresentata tre o dieci anni fa, allora perché adesso devo spaventarmi? Voglio dire, come ho superato la crisi del 2001, poi quella del 2004, del 2009, non vedo perché non dovrei superare anche questa. Il problema è che la gente è terrori…

Gay sta a Chiesa come Concia sta a Fioroni

Questa volta devo proprio dare ragione alla deputata Anna Paola Concia quando accusa Fioroni di strumentalizzare i diritti sulle coppie gay per andare alle primarie e trascinarsi dietro il consenso della Chiesa!
L'ex ministro ha deciso che vuole candidarsi alle primarie contro Bersani anche se fanno parte dello stesso partito politico PD.
Questo mi porta a pensare che:
1. il PD non riesce proprio a tenersi uniti i suoi seguaci e questo continua ad allontanare l'elettore... NON LO VOGLIONO PROPRIO CAPIRE! Le spaccature non piacciono a nessuno e toglie stabilità (nessuno andrebbe ad abitare in un palazzo con le crepe sulla facciata)!
2. A Fioroni non gliene frega niente dei diritti sui gay (E PROBABILMENTE NEMMENO DI QUELLI DEGLI ETERO) e non si fa scrupoli a spargere mxxxa sugli altri per i suoi fini.
3. Prima o poi in fondo alle preghiere o alla Bibbia troveremo delle clausole politiche su a chi dare i nostri voti e i preti trasformeranno i loro sermoni in propagande politiche (è g…

Sisma Emilia 5.9 o 7?

Voci di corridoio ma anche studiosi esperti sostengono, o meglio, sussurrano che le scosse di terremoto più forti in Emilia non erano di 5.9 della scala Richter, ma bensì di 7.
Perché mentire su un tale dato?
Per non spaventare ulteriormente la popolazione o perché la legge obbliga lo stato di calamità naturale per sismi sopra i 6 gradi con conseguente intervento da parte dello Stato per coprire i costi di riparazione e di aiuto per gli sfollati?
Opto per la seconda possibilità.
Ma se lo Stato è messo così male, noi non possiamo fare niente? Se ogni italiano versasse anche solo 5 € per questi poveri terremotati, potremmo davvero aiutarli senza ricorrere alle casse ormai vuote di uno Stato prossimo allo catafascio, che ormai non è più nemmeno in grado di prendersi cura del suo popolo.

I froci? Problemi loro...

Se alla dichiarazione di Cecchi Paone  "Ci sono 2-3 gay nella nazionale",  Cassano risponde "Spero proprio di no.  I froci? Problemi loro.... Spero proprio di no"  per poi scusarsi dicendo di non essere omofobo;  io ribatto "Ignoranti nella nazionale? Temo proprio di si". Del resto devono tirare un calcio a una palla,  non fare ragionamenti complessi e probabilmente Cassano teme di chinarsi a raccogliere la saponetta nelle docce.

2 € per un pieno? Sarà possibile dal prossimo anno!

100 km con un pieno pagato solo 2 €?
Sembra fantascienza se non il desiderio di quasi tutti, dato che ormai la benzina costa 2 € al litro e la gente si sposta sempre più lontano da casa per trovare lavoro!

A quanto sembra ci basterà aspettare il prossimo anno e vedremo uscire dalla Tour Eiffel la simpaticissima e piccola AirPod, una macchina che va ad aria compressa e non inquina!


Un cane è per sempre!

Come si fa a non commuoversi di fronte a un vecchio di settant'anni che davanti alle telecamere del TG BauMiao leggendo la lettera di un cane, ormai morto da anni, che scrive al suo padroncino ormai cresciuto e convinto di aver perso il suo adorato animale per una brutta malattia molti anni prima.
In realtà i genitori, stanchi dall'impegno costante che implicava tenere il cane in casa, lo avevano abbandonato in autostrada, dove lui aveva trovato la morte.

Sto parlando di Lino Banfi, che per sensibilizzare la gente al fenomeno dell'abbandono del proprio cane, ha scritto questa lettera personificando uno dei tanti cani abbandonati e poi investiti dalle macchine in corsa in autostrada.
Basti pensare alle 137 segnalazioni di cani abbandonati solo a Natale 2011. Un record!
Che bel regalo, eh?

Ricordiamoci solo che non sono i cani ad aver chiesto di stare con noi. Siamo noi che li abbiamo presi e voluti.
Ci sono cani che dopo esser stati abbandonati, hanno ancora disperatamente ce…

Fosse solo un primo ministro a dimenticare la figlia al parco...

L’alternativa. Questo è ciò che voglio offrire alla gente. Questo è ciò di cui ha bisogno la gente: un’alternativa a questo mondo e a questa vita che ci sta distruggendo.
Ci siamo autocatapultati in una realtà e in una società a labirinto, dove ci siamo persi e non riusciamo più a trovare l’uscita. 

Abbiamo perso il nostro istinto naturale che ci aiutava a districarci dai mille bivi che si presentavano davanti a noi.

Inoltre le pareti di questi infiniti corridoi stretti e a fondo cieco sono cosparsi da affissioni pubblicitarie che ci indicano tutte le volte la strada per la felicità e tutte le volte noi la seguiamo convinti che ci porterà verso l’uscita e invece questo no succede mai. Ci ritroviamo con qualche oggetto in più (che riempie e appesantisce ulteriormente il nostro “zainetto delle avventure”) e insoddisfatti.

Questo sistema di vita ci sta logorando fino alle viscere spingendo tutti noi a correre sempre più veloce su e giù per questo eterno labirinto sperando di trovare la soluz…

Anticellulite a costo zero!

Certo che in questo mondo non c’è neanche un attimo di pace per noi donne. Anche quando credi di avere sotto controllo tutto o quasi, ecco che qualcuno deve romperti le pigne nel paniere.
Ieri sera mi stavo appena rilassando sul mio divano sgualcito, davanti alla tv, con la maschera fai da te sul viso a base di limone, cetriolo, yogurt e chi più ha, più ne metta, quando ecco che la mia finestra sul mondo, cioè quella meravigliosa scatola nera che ho appena fatto appendere alla parete del soggiorno color rosa shocking, mi fa andare via di senno. Mi stavo comodamente gustando il film “Amore di un testimone” e proprio sul più bello, arriva la pubblicità! Cinque minuti di delirio mentale in cui donne raffreddate mi convincono che non posso rinunciare alle mie attività e al lavoro per colpa dell’influenza (e io che pensavo che questa era la classica scusa giustificata per non andare in quel lugubre ufficio pieno di arpie a risolvere casini per un capo rimbambito per quattro giorni senza farm…

Lavoro: vincitori e vinti

La dura verità è che la dolcezza, la comprensione, la lealtà purtroppo non vincono sul lavoro. Dentro di noi, non vorremmo che fosse così e ci comportiamo sempre correttamente in nome di una meritocrazia utopica. E ecco quali sono i risultati: tutti ci fanno le scarpe, ci trattano male, se ne approfittano. Vincono sempre coloro che non hanno scrupoli e noi rimaniamo sempre feriti e delusi. Invece di prendercela con loro, è il nostro atteggiamento che deve cambiare. Non è così che si ottengono i grandi risultati. Anzi, ancora rischiamo di fare la figura dei deboli e delle vittime indifese… e non c’è niente di peggio in una vasca piena di squali. Bisogna essere forti, coraggiosi e un po’ stronzi. Basta farsi scrupoli! La compassione sul lavoro non funziona. Mi dispiace molto per questo, perché Osho e il Dalai Lama, che io stimo molto, fondano la loro vita su questo e io stessa ci ho provato. Per un attimo ti dà una grande serenità, però alla lunga scopri che tutti ti hanno “inculato” nel fratte…

Meglio uno scoiattolo scorreggione o Zorro e la gallina?

Pubblicità, pubblicità e ancora pubblicità! Ogni venti minuti di film ci sono cinque minuti di spot televisivi! Cinque minuti che ormai tutti si sorbiscono (esclusi quelli ginnici, che approfittano di quei brevi istanti per fare mille cose: lavare i piatti, fare pipì, lavarsi i denti, buttare il pacco di patatine finite e riprenderne un altro, cercare una bibita, studiare i primi di paragrafi di pag. 87 del libro si storia…) inermi e vermi sul divano, che ci ha succhiato tutte le energie con la sua morbidezza e comodità. Siamo costretti a subirci questi interminabili minuti di propagande commerciali, che vogliono convincerci che non possiamo vivere senza questo o quello, che la nostra vita non ha senso se non mangiamo questo o quello o che falliremo ogni lavaggio senza quel prodotto specifico. Beh, io non mi lamento, ma costerebbe troppo realizzare questi intrattenimenti meno ambigui o indirizzati non solo a ritardati mentali?
Di cosa si fanno i pubblicisti per realizzare quei 30 secondi?
V…

GAY VS EXTRACOMUNITARIO

Secondo i raeliani, il diritto di voto o di accedere al governo di un paese dev'essere dato a chi ha un quoziente intellettivo alto o addirittura superiore alla media.
Inizialmente ero contraria a questa regola così elitaria, non perchè interessante o basata su fondamenti accettabili, ma perchè in questo caso in Italia avremmo avuto un Parlamento ridotto a cinque persone (nemmeno una per regione) invece di 945.
Certo, a quel punto la crisi chi la sente più!
Tuttavia oggi ho cominciato a ricredermi su questo fondamento, proprio dopo aver letto l'ultima sparata di Pulledri della Lega Nord (possibili che certe genialate arrivino tutte da quel partito?).
Il "famoso" politico e psicologo (peccato che prendere una laurea non significa essere intelligenti) ha dichiarato alla radio che sarebbe terribile avere una figlia gay, ma ancora peggio averla sposata con un extracomunitario.
Alla facciazza dell'uguaglianza e della tutela delle minoranze!
Non conten…

Come trovare il lavoro più adatto a noi?

Presa dalle mie solite elucubrazioni feline sulla ormai chiaccchieratissima crisi italiana, come un lampo a ciel sereno, mi sono ritrovata a pensare a un possibile collegamento tra istruzione e lavoro. Entrambi sono colate a picco già da anni e sembrano non toccare mai il fondo.
Quello che una volta era considerato un sei tirato in pagella oggi corrisponde con un otto pieno su una scala che va sempre dall’uno al dieci (l’unica certezza che è rimasta in anni di contestazione e di autogestione). Vent’anni fa la sufficienza consisteva nel recitare cantando l’intera “Divina Commedia”, dieci anni fa (quando andavo a scuola io) era ridotta a studiare a memoria “L’infinito” di Leopardi e oggi si è risicato a “Mattina” di Ungaretti.
Se da un lato la scuola sta andando a ramengo, la cultura è sprofondata negli abissi del Mar Morto, gli studenti giustificano le loro assenze con “La partita Inter-Udinese di ieri sera è finita troppo tardi” o “Non ho potuto svolgere i compiti a me assegnati perché er…